Indice del forum Leggimi - Forum di libri

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Due partite di Enzo Monteleone

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Cinema
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Rimmel
Premio letterario
Premio letterario


Registrato: 12/05/07 14:08
Messaggi: 546
Residenza: la città dei due mari

MessaggioInviato: Dom Mar 15, 2009 9:23 pm    Oggetto: Due partite di Enzo Monteleone Rispondi citando

Ieri sono andata al cinema a guardare questo film che mi ha entusiasmata...

Ecco una mia recensionina...

Un delicato spaccato di vita degli anni ’60… così si apre il film…
Quattro donne, quattro ritratti impareggiabili tracciati da quattro straordinarie artiste…
Una dolcissima Isabella Ferrari, la donna sognatrice, romantica, idealista, amante dei libri e delle buone letture, innamorata del suo uomo, attendono insieme il figlio che lei porta in grembo… la sua stessa casa, che poi è l’unica location del film, è la trasposizione della sua personalità… rassicurante, calda… chi ha vissuto gli anni ’60 ne ha ritrovato l’impareggiabile atmosfera in quelle location fedelmente ricostruite…
La cornificata Marina Massironi… nonostante la tresca del marito con la sua amante sia sulla bocca di tutti, lei tiene le fila della famiglia, attaccata al suo ruolo con lo spirito di sacrificio proprio delle donne più tradizionaliste…
La frustrata Margherita Buy… un po’ cinica, disincantata… pianista di valore, ha rinunciato al successo per sposarsi e occuparsi della sua bambina… quasi un punto di raccordo tra la tradizionalista amica cornificata e il personaggio più moderno e anticonformista di questa prima parte del film…
Paola Cortellesi… a lei spetta il personaggio più interessante della storia… donna moderna, quasi un punto di raccordo tra la prima e la seconda parte del film, tra il mondo della madri e il mondo delle figlie… donna cinica e profondamente tradita dalla vita, è costantemente alla ricerca di qualcosa che le faccia evadere e dimenticare… dimenticare la squallidità della sua esistenza divisa tra il marito che non ha mai amato, e l’amante, l’amante che è senz’altro meno moderno di lei, visto che ad un certo punto la lascia, preferendo a lei la borghese tranquillità del suo matrimonio… dimenticare i sensi di colpa nei confronti di sua figlia che certo comprende, ma tace e soffre…

La situazione della donna negli anni '60 era questa… com’è cambiata nel corso degli anni?

Trent’anni dopo… dopo una fugace parentesi in una location esterna, deprimente non tanto per la natura del luogo, ma quanto per l’invecchiamento delle protagoniste che abbiamo imparato ad amare nella prima parte del film… ritroviamo lo stesso salotto di allora… ma quattro donne diverse…

Non più gli abiti a fiori, non più le corporature imponenti e rassicuranti delle donne degli anni ’60… mise moderne ed aggressive, fisici asciutti e scattanti di moderne donne in carriere… sono le figlie di quelle donne... di quelle donne che giocavano a carte in quell’assolato pomeriggio del 1966… sono riunite in quello stesso salotto con quegli stessi mobili, che solo il colore della tappezzeria ha concesso alla modernità…
L’occasione non è delle più liete… ma le amiche riunite per consolare la più dolce, sognatrice e sfortunata del gruppo che piange la scomparsa della mamma, si lasciano andare alle stesse confidenze che riunivano le loro mamme trent’anni prima...
Ne emergono punti di raccordo con il passato, che spiccano in particolar modo in ciò che ogni mamma ha trasmesso alla propria figlia, ma anche e soprattutto profonde differenze sociali tra quello che era il ruolo della donna negli anni ’60 e quello che è suo il ruolo negli anni ’90…
La donna ora è alla pari con l’uomo… gioca alla pari…

Una coppia di medici, una pediatra, e un ginecologo, ugualmente stressati… una Claudia Pandolfi che non riesce a reggere il confronto con la mamma Paola Cortellesi...
La concertista famosa che divide la sua vita tra voli aerei, corse frenetiche in taxi e i più famosi palcoscenici del mondo… a casa l’attende il suo uomo… perdutamente innamorato di lei, subisce in silenzio i suoi scatti di nervi e la sua insofferenza nei confronti di atteggiamenti così protettivi… personaggio forse un po' troppo colorito, interpretato da una Carolina Crescentini presa dalla smania di fare... forse ha fatto un po' troppo...
L’avvocato che si è concessa un anno sabbatico per soddisfare il suo desiderio di maternità… è sicuramente la più tradizionalista del gruppo, quasi una commistione tra mondo delle madri e mondo delle figlie… Valeria Milillo ha tratteggiato meglio che poteva un personaggio forse di poco spessore, riuscendone a trarne anche tratti umoristici... interessante...
E infine la più dolce… sognatrice, idealista, tormentata dai sensi di colpa nei confronti della madre, della quale forse non ha compreso appieno la sofferenza… subisce il rapporto conflittuale con il padre al quale rimprovera di non aver compreso appieno la mamma, il rapporto con il fidanzato, il rapporto con il capo… subisce tutto… sicuramente il personaggio più interessante e fortemente caratterizzato di questa seconda parte del film… interpretato da una Alba Rohrwacher molto ben calata nella su parte...

Seconda parte del film forse inferiore alla prima, forse meno carica delle emozioni forti della prima… forse con interpreti di minor spessore rispetto alla prima…
Finale da cancellare … le attrici che sulle note di Se telefonando sorridono ammiccanti alla cinepresa, fa molto cartone animato…

_________________
A nessuno piacerebbe percorrere la propria strada con uno zaino tanto pesante quanti sono i chili in eccesso. I monaci di Camaldoli.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Frod
Bestseller
Bestseller


Registrato: 17/11/05 14:15
Messaggi: 1735
Residenza: Casa Baggins - Via dei Matti n° 0

MessaggioInviato: Dom Mar 15, 2009 11:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ecco ecco... se riesco vado a vederlo +smile

_________________
- Un giorno senza sorriso è un giorno perso -

Charlie Chaplin


-
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

-
-

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

- I miei Mostrini
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Cinema Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



SwiftBlue Theme created by BitByBit
Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 2.677