Indice del forum Leggimi - Forum di libri

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Nero pece

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Prova d'autore
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
the_dolce_bambola
Fresco di stampa
Fresco di stampa


Registrato: 27/06/09 03:47
Messaggi: 57
Residenza: Brunico (BZ)

MessaggioInviato: Mar Lug 14, 2009 11:40 pm    Oggetto: Nero pece Rispondi citando

La scia del suo profumo...si la ricordo perfettamente! La sentii per la prima volta
nell'affollata stazione di Barcellona.
Tra tutte quelle facce, quegli odori, quei rumori quando lui mi passò affianco un brivido
percorse la mia schiena.
Mi girai a guardarlo senza pensarci due vole, incrociai il suo sguardo, i suoi occhi
di un nero pece nascondevano un luccichio che io scorsi: era qualcosa di strano, eccitante
e curioso allo stesso tempo. Mi si avvicinò, aveva capelli corti color castano chiaro,
un sorriso perfetto e una parlata ammaliante che per le mie orecchie era musica; con voce
ferma mi chiese l'ora...
Il treno che portava a Valencia per qualche bizzarro motivo era stato rimandato al giorno
dopo quindi mi ritrovavo a dover cercare una pensione in cui poter passare la notte.
Markus che doveva prendere il mio stesso treno, dopo avergli detto lora e, sotto suo invito,
aver bevuto un pessimo caffè al vecchio chiosco della stazione decidemmo di alloggiare nella
stessa pensione.
Appena misi piede lì dentro sentii odore di cipolla e di qualcos'altro di non identificabile.
La vecchia signora che ci accolse ci diede le chiavi delle stanze parlando uno strano
dialetto spagnolo che Markus riusciva a capire.
Cenammo insieme e io gli raccontai della mia vita, il mio lavoro, la mia famiglia niente più
niente meno ma subito capii che c'era uno strano feeling che mi legava a lui.
Calato il buio su Barcellona ci recammo nelle nostre stanze.
Quando il sonno si ostinava a non arrivare e solo i rumori della notte mi facevano compagnia
mi alzai e mi recai alla porta, prima di aprirla aspettai alcuni attimi ma poi il buio
della stanza mi rievocò il nero dei suoi occhi...quando la porta con uno scricchiolio si aprì lui
era lì sulla soglia, ci guardammo per un lasso di tempo che a me sembrò infinito e poi ci
scambiammo un bacio caldo.
Lo guidai al letto e lì ci sedemmo, pochi secondi dopo le mie labbra cominciarono ad
esplorare il suo corpo, l'odore del suo corpo mi provocava un piacere indefinibile, nel buio
della stanza lui cominciò a svestirmi mentre accarezzava la mia pelle. Lo imitai quindi
svestii anche lui, mi sussurrava dolci parole. Quando i nostri corpi si unirono cominciai ad
ansimare ed intrecciai le mie mani con le sue. Eravamo una cosa sola, essendo dentro di me
mi trasmetteva calore e passione e cominciai a riconoscere il suo corpo con solo uno dei miei
cinque sensi: il tatto! Quando mi cinse i polsi capii che era arrivato all'apice del suo
piacere... Quella notte dormii tra le sue braccia!
Il giorno dopo giunti alla stazione controllammo i posti che ci erano stati assegnati nel
treno, lui era nella prima carrozza mentre io ero nella sesta, decidemmo così di
rincontrarci alla fine del viaggio. Partimmo, non facevo altro che ripensare alla notte
passata insieme, la passione ed il calore scaldavano ancora il mio corpo e il sangue
pulsava più che mai nelle vene come per espirmere il desiderio di ritrovare quel corpo,
quell'odore, quella voce, quelle mani...
Un rumore forte mi perforò le orecchie e balzai in avanti, il treno si era fermato.
Ci fecero scendere tutti, mi recai dal capotreno che mi disse:
"Signorina ci siamo schiantati contro un'altro treno, per le prime carrozze non c'è
più nulla che possiamo fare", quando mi girai vidi fiamme altissime diramarsi nel cielo!
Un grido squarciò il sordo silenzio che si era creato attorno a quello spettrale spettacolo!
Oggi a settanta anni ricordo e amo ancora quel nero pece.......




Dedicato agli amori eterni che in molti snobbano e invece nn sanno della loro vera esistenza!!


Questo testo l'ho scritto mentre ascoltavo la canzone 'Omnos degli Eluveitie', credo che sarebbe bello leggerlo mentre la si ascolta!!

_________________
Un bambino diventa un adulto quando realizza che ha il diritto non solo di essere giusto ma anche di sbagliare.

Vivi la vita al massimo,non fartela scivolare addosso!!
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Prova d'autore Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



SwiftBlue Theme created by BitByBit
Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 5.931