Indice del forum Leggimi - Forum di libri

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Heike riprende a respirare- Helga Schneider

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Narrativa
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
lizzy pinkwitch
Novità editoriale
Novità editoriale


Registrato: 02/01/09 23:47
Messaggi: 123
Residenza: como

MessaggioInviato: Sab Mar 20, 2010 3:56 pm    Oggetto: Heike riprende a respirare- Helga Schneider Rispondi citando

Che scriva per un pubblico adulto oppure per i ragazzi, Helga Schneider rimane fedele al suo tema fondamentale: l'esperienza dell'infanzia in una Germania travolta dal nazismo e dalla guerra. Quest'ultimo romanzo si svolge nella Berlino occupata dalle truppe sovietiche e americane, dove i bambini giocano tra le macerie tentando a fatica di strappare alla dura quotidianità quelle suggestioni fiabesche cui la loro età sembra non poter rinunciare neppure nelle condizioni più avverse. Così la piccola Heike, la protagonista del libro, cerca conforto in un grande melo che cresce nel giardino della sua casa: lo abbraccia, ne accarezza la ruvida corteccia e, soprattutto, gli parla, ricevendone, come in ogni fiaba che si rispetti, sagge risposte in grado di aiutarla ad affrontare la vita. Ma è l'unico spiraglio concesso alla sua fantasia; per il resto, la bambina si trova a combattere con una realtà che il trauma della guerra ha reso incerta e desolata. Della casa di un tempo, distrutta dalle bombe, non rimane altro che una buia cantina dove Heike si è ridotta ad abitare con la madre, il cui equilibrio psichico è stato irrimediabilmente sconvolto da uno stupro subito da parte di alcuni soldati russi; e nemmeno il sospirato ritorno del padre disperso in guerra riuscirà a riportare alla normalità la situazione della famiglia. Sembra che le anime stesse dei personaggi vengano inesorabilmente risucchiate dalle profonde voragini aperte dalle bombe nelle strade di Berlino, e che anch'esse, come quegli edifici sventrati di cui rimangono solo frammenti di muro o cieche finestre affacciate sul nulla, non possano sperare di risorgere senza una difficile opera di ricostruzione. A questo suo libro sconsolato la Schneider darà un finale lieto, rispettando le consuetudini della narrativa per l'infanzia; ma ciò che rimane nella memoria del lettore, a dispetto di tutto, è l'affannoso dibattersi della bambina in un'esistenza che non sembra più offrire alcuno sbocco, come se le devastazioni materiali e morali della guerra avessero cancellato completamente l'orizzonte del futuro."
(da Paola Capriolo, Buio a Berlino, la vita oltre la cantina, "Corriere della sera", 15/03/'0+smile


Ho letto questo libro recentemente e mi è piaciuto molto.
Secondo me, è scritto molto bene, leggendo mi immedesimavo molto nel personaggio, anche la situazione della città e le condizioni di vita della gente sono descritti molto bene.
Qualcuno di voi l'ha letto???
Cosa ne pensate???

_________________
non si vede bene che col cuore
l'essenziale è invisibile agli occhi

chiamatemi mimì
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Narrativa Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



SwiftBlue Theme created by BitByBit
Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 3.543